La Loggia Sol Invictus riporta alla luce il “Mutus Liber” (1677) testo fondamentale dell’Alchimia

inserito il 04 06 2015, nella categoria Biblioteca, Comunicazioni, Nuovi arrivi e recensioni, Vita di Loggia

Mutus A

La R:. L:. Sol Invictus all’Oriente di Bondeno, ultima nata – nel Dicembre dell’anno scorso – fra le officine massoniche della provincia di Ferrara (la quarta attualmente in attività) presenta il suo primo prodotto editoriale. Si tratta di una pregevole e rara ristampa anastatica del famoso “Mutus Liber” (il “Libro Muto”), nella sua prima edizione di Altus risalente al 1677. Testo considerato uno dei pilastri dell’Alchimia. Particolarmente pregevole e accurata la riproduzione delle antiche illustrazioni.

L’edizione, realizzata con il fattivo contributo della libreria “L’Antro di Ulisse” di Ferrara, è disponibile presso la Segreteria della Loggia Sol Invictus al prezzo ridotto di 12 euro (prezzo di copertina 15 euro).

Possono essere richieste anche copie numerate e timbrate con il logo “Sol Invictus 1476”. Una serie acquistabile solo da fratelli massoni allo stesso prezzo scontato (ma destinato nel tempo ad una maggior valutazione da collezionismo).

Si annuncia già la pubblicazione di una seconda storica versione dello stesso testo: quella del Magnet (1702) modificata in alcune tavole.

mutus 1

Il testo originale uscì nel 1677 a La Rochelle per i tipi di Pierre Savourette. Il frontespizio recitava: “Mutus liber, in quo tamen tota Philosophia hermetica, figuris hieroglyphicis depingitur, ter optimo maximo Deo misericordi consecratus, solisque filiis artis dedicatus, authore cuius nomen est Altus” (“Il Libro Muto, nel quale l’intera filosofia ermetica viene rappresentata in figure geroglifiche, consacrato al tre volte massimo ottimo Dio misericordioso, e dedicato ai soli figli dell’Arte, da un autore il cui nome è Altus“).

Il “mutismo” del libro si riferisce al fatto che esso era composto essenzialmente da illustrazioni simboliche – in tutto 15 tavole (oggi fedelmente riprodotte) – mentre il testo scritto si riduceva al frontespizio in latino (che abbiamo riportato poc’anzi) e ad una breve introduzione in francese, “Au Lecteur”, collocata fra il frontespizio e la seconda tavola, più avanti un motto latino “ Ora, Lege, Lege, Lege, Relege, Labora et Invenies (Prega, leggi, leggi, leggi, rileggi e troverai)” posto nella 14sima tavola, ed infine l’altro motto “Oculatus Abis (provvisto di occhi vai)” a suggello dell’ultima tavola.

Come annunciato dalla Loggia Sol Invictus prossimamente verrà editata anche la riproduzione della seconda edizione dell’opera che fu collocata qualche decennio dopo in allegato al primo volume della “ Bibliotheca Chemica Curiosa” del medico e alchimista svizzero Jean Jacques Manget (edizione che non riprese le incisioni in rame della prima, ma riprodusse tutte le illustrazioni ex novo, con alcune variazioni).

Si ha notizia anche di un’altra rarissima edizione del 1725.

mutus 2

Quanto al fantomatico autore della primissima edizione – l’uomo chiamato Altus (Alto) – si pensò a lungo ad un tal Iacob Saulat, signore di Mares. Ma studi più approfonditi hanno portato ad attribuire l’opera ad un altro medico speziale di La Rochelle, per la precisione Isaac Baulot, protestante, che ebbe un’esistenza alquanto travagliata a causa delle sua religione.

La professione di medico e farmacista era allora interdetta a chi non era di fede cattolica, e Baulot fu così costretto ad operare sotto il nome di suoi colleghi cattolici o di vedove di medici e farmacisti cattolici. Finchè nel 1677, proprio in occasione dell’uscita del suo libro alchemico, fu costretto ad emigrare definitivamente ad Amsterdam, e qui si perdono le sue tracce.

Anche l’editore del Mutus Liber, Pierre Savouret, era di fede protestante, e come Baulot dovette anch’egli affrontare l’esilio nel 1685, ad Amsterdam dove continuò la sua attività di stampatore.

Il nome dell’autore, Isaac Baulot, risulta per altro “nascosto” in alcuni anagrammi contenuti nel libro stesso: come “Oculatus Abis” riportato nella tavola conclusiva, e “Iacob Saulat”.


1 Trackback or Pingback for this entry

Lasciaci un commento

Cerchi qualcosa?

Utilizza il campo sottostante per cercare nel sito:

Hai cercato qualcosa che non hai trovato? Contattaci e richiedici l'informazione che cerchi!

Link

Ti raccomandiamo di visitare questi siti web