Il “Committente” dei Massonici Lavori

Talvolta nella sua intensa ricerca spirituale, il massone sembra quasi non accorgersi che per gran parte del suo cammino iniziatico egli opera al servizio di un vero e proprio “Committente”, che rappresenta il principio regolatore di riferimento per ogni grado raggiunto e superato (almeno dal primo al trentesimo). Chi è questa figura?

Tavola del fr:. C:.  P:. 18

Re Salomone

 

I primi tre gradi della Massoneria Azzurra possono essere considerati come la piattaforma di base su cui si erge la piramide rituale scozzese vera e propria.

In questi primi gradi gli Apprendisti, i Compagni e i Maestri si ritirano, alla chiusura dei lavori, sotto il giuramento del silenzio.

Il Segreto dà il suo nome al IV grado del Rito Scozzese Antico ed Accettato, di cui rappresenta l’elemento principale. Se l’Apprendista è vincolato al silenzio assoluto, il Maestro al quarto grado tace, osservando il dovere di conservare il segreto.

Infatti, il IV grado è denominato “Maestro Segreto“.

Mentre nel primo e nel secondo grado siamo stati noi stessi, dal quarto grado cominceremo ad avere un “committente” dei lavori che dovremo svolgere. Re Salomone, che presiede, ci insegna o ci ricorda che il segreto, la fedeltà e l’obbedienza sono elementi fondamentali per il consolidamento della libertà. Questi valori sono esaltati a virtù, l’uno è in funzione dell’altro. Ne derivano senno e prudenza, senza i quali nessuna costruzione, tanto meno interiore, è possibile.

Il Maestro Segreto si impegna a combattere, con ardimentoso coraggio, non soltanto quei pregiudizi che inquinano ogni civiltà, ma anche gli assalti delle proprie passioni, affinché la simbolica corona d’alloro non sia sterile simbolo, ma vittoria seguita da una pace serena.

Il Maestro Segreto è passato dalla squadra al compasso, per cui è ritenuto capace di bene misurare le proprie azioni.

Il male e la menzogna minano dalle fondamenta il Tempio interiore, di cui il Maestro Segreto è chiamato a proseguire la costruzione, sotto la guida del Re Salomone e di Adonhiram.

Il V grado, ovvero “Maestro Perfetto”, completa magistralmente gli insegnamenti dei quattro gradi precedenti. La conoscenza e lo sviluppo dell’intelligenza umana si presentano sempre sotto aspetti correlativi: la conoscenza generale che ogni uomo deve possedere, la conoscenza circoscritta nel cerchio della vita umana sulla terra e la conoscenza speciale, la più elevata, non quella che si chiude nel materialismo dell’esistenza, ma quella che, attraverso la virtù, apre la strada verso la verità.

La virtù non nasce in noi per sé stessa, né altri ce la può donare, ma la virtù deriva dalla libera scelta, dalla bontà, che la vocazione rafforza e lo studio perfeziona.

Il pensiero scopre la virtù. La virtù scoperta e conquistata disvela, a poco a poco, tutta sé stessa,la propria luce ed il proprio potere.

La virtù è la condizione della propria effettiva libertà.

Adonhiram ci sprona a comunicare le verità, di cui siamo venuti in possesso, che però devono essere comunicate all’universalità degli uomini soltanto quando essa sia in grado di comprenderle, e cioè quando questo potrà essere utile al sublime fine della libera Muratoria. E completando le precedenti concezioni “Generazione, e non Creazione”, nel quinto grado Adonhiram ci fa aggiungere “Eternità”, e non “limitazione all’umanità”.

Nella salita della piramide, si arriva al VI gradino, chiamato del “Segretario Intimo”, dove il Presidente, Re Salomone, ci indica che senza onestà, senza laboriosità, senza giustizia e senza fratellanza, la libertà è nulla e l’indipendenza è una parola vuota e che, per vincere il male, occorre, innanzitutto, conoscerlo in tutte le sue estensioni: la curiosità per questo è necessaria, per la ricerca delle loro cause e dei possibili rimedi.

Re Salomone ci manda in mezzo alla gente, per aiutare e controllare le amministrazioni e questa scelta avviene solo per lo zelo, la fedeltà ed il disinteresse dimostrati nelle varie cariche, senza tenere conto delle origini, insegnandoci che soltanto colui che ha giusto titolo e vero merito per essere promosso, sa rendere esattamente conto di ciò che occorre ed avviene nella società profana e lo comunica tempestivamente con le sue osservazioni ai dirigenti, lavorando in tal modo all’armonia generale nella Massoneria e all’armonia generale nell’umanità.

Il committente, Re Salomone, ci insegna che bisogna essere in pace con la propria coscienza e fare il proprio dovere.

Nel gradino successivo, il VII, il gradino del cosiddetto “Prevosto e Giudice”, il committente è Tito, principe di Harodin (della giustizia) e ci indica che dobbiamo considerare che l’essenza pratica della nostra giustizia deve tendere verso l’ideale del giusto, la coordinazione armonica dei diritti e doveri. Così potrà procurare una convivenza umanitaria delle persone fra di loro e fra esse e l’autorità superiore, considerando, in ambedue i casi, i diritti e specialmente i doveri.

La sapienza, la saggezza, l’illuminata coscienza dell’iniziato, anima e consacra il diritto di questi ad amministrare la giustizia in ogni ordine politico e sociale.

Nell’VIII grado, dell’Intendente degli Uffici, Re Salomone, assistito da due aiutanti che abbiamo visto in precedenza (Tito, principe di Harodin e Adonhiram), afferma che soltanto in forza di doti personali e per virtù di studio e di lavoro, è possibile elevarsi e che l’autorità effettiva si impone da sé soltanto per i propri meriti, i quali non possono essere sostituiti da alcuna forma di protezione.

Non basta essere posti d’autorità sulla via della conoscenza, se non si hanno doti proprie, né basta lo studio per cogliere il vero sapere, né sono validi i diritti di casta o di classe. L’uguaglianza umana viene riconosciuta come mèta per una Fratellanza umana, ma va vista attribuendo a ciascuno il posto e l’autorità che si merita.

Continuando la nostra scalata, siamo arrivati al grado IX e diventiamo “Cavalieri eletti o Maestri”. In questo grado Re Salomone con il suo assistente Stolkin, ci spronano a sviluppare la virtù dell’obbedienza e del controllo sincero e iniziatico dei propri atti concordandoli con l’esecuzione esatta degli ordini ricevuti; ci sprona ad avere coraggio. Il dovere del massone si riassume in queste due massime: sii coraggioso contro le tue debolezze, sii coraggioso per difendere la verità.

Ed inoltre, il massone deve essere agente di riforma e di progresso; il potere è una delega ricevuta dal popolo, che cessa quando lo richiede l’interesse del popolo.

Il contratto è implicitamente rotto se il potere esorbita e viene meno ai doveri affidatigli.

Il pugnale che ci viene consegnato è il simbolo della vendetta sul traditore, della lealtà, del coraggio per lottare contro le debolezze personali e per difendere la verità.

Inoltre, Re Salomone ci chiede di concorrere all’educazione dei Fratelli di grado inferiore, sia nelle Logge Azzurre, sia nelle Logge di Perfezione di IV grado.

Nei gradi dal X al XII, il principio di adempimento del dovere costituisce la base portante che caratterizza in modo pregnante la filosofia dedicata. Ognuno dei doveri richiamati (X, cosiddetto Cavaliere Eletto dei Quindici, esecuzione precisa degli ordini ricevuti secondo diritto e giustizia; XI, Sublime Cavaliere Eletto, esecuzione di compiti sociali, rispondendo al sovrano; XII, Gran Maestro Architetto, amministrazione della cosa pubblica, rispondendo al popolo) presuppone la rigorosa applicazione del principio di gerarchia. Il dovere che il massone adempie nei gradi deriva dall’obbedienza al suo potere sovraordinato, sia esso individuale (Re Salomone) o collettivo (popolo). Si tratta di un potere assoluto, cui piegare la propria individualità, impegnando tutte le proprie doti personali per il raggiungimento del giusto scopo. Lo spazio di autonomia e iniziativa è limitato e proprio sul riconoscimento e valorizzazione di tali limiti si deve incentrare il lavoro interiore.

Riguardo al XII grado va sottolineato che è il primo grado o scalino in cui compare la parola architetto. Infatti si chiama grado del Gran Maestro Architetto, indicando fin da subito che il lavoro sarà da ora in poi svolto non da un esecutore (muratore), ma da un ideatore (studi non solo materiali, ma filosofici e concettuali). Occorre iniziare a prepararsi per assumere i compiti che la collettività può affidarci.

Nei gradi dall’XIII al XIV, il massone sempre su incarico ricevuto dal committente che, come abbiamo visto, non è mai lo stesso, inizia ad avvicinarsi al mistero e, mettendo in gioco tutte le conoscenze e le competenze acquisite nell’oramai consolidato percorso di accrescimento, indaga la verità lottando contro l’errore. Egli mette al servizio del bene comune il proprio intuito, le conoscenze acquisite con lo studio e le scoperte conquistate con la propria ricerca personale.

Nel XIII grado, dei Cavalieri dell’Arco Reale di Salomone, ci vengono imposti onore, dovere e riservatezza.

Mentre mi accingo a terminare questo gradevole compito che il mio Committente mi ha incaricato di svolgere, i media riportano con gran risalto gli ultimi attentati di Bruxelles e del Pakistan e alcune riflessioni mi vengono spontanee.

E’ questo il momento di mettere in pratica quanto assimilato in questo percorso di perfezionamento e approfondimento e di mettere in pratica gli input del nostro committente dei lavori.

Il vero nemico del massone non è la religione, o una religione, bensì il fanatismo e il dogmatismo religioso, che molte religioni cercano di imporre. Per inciso, il massone aborrisce ogni forma di fanatismo, sia esso ideologico, politico, scientifico, ma anche rituale.

Nella società attuale, di natura multietnica, multi culturale, multiconfessionale, è necessario che noi massoni diffondiamo i nostri valori etici e spirituali, così soddisfiamo il nostro sentimento di sentirci solidali con tutti gli uomini.

La libera muratoria, attualizzando il principio della tolleranza e sviluppandolo in quello della promozione della persona umana, si fa portatrice di un messaggio tradizionale e nuovo: il rispetto di ogni uomo, la promozione delle diversità, la conoscenza dell’altro, l’eguaglianza dei diritti e la giustizia sociale, in modo che ogni uomo possa esprimere al meglio le proprie potenzialità, quei talenti che gli appartengono e la cui manifestazione può dare senso alla sua vita. I massoni hanno fiducia nell’uomo e nel suo futuro; ciò, però, non significa che restano alla finestra a guardare, ma che devono far sì che i loro valori, la loro cultura e la loro etica siano messi a disposizione dell’uomo, applicandoli alle diverse condizioni e alle specifiche problematiche.

Il compito del libero muratore non è quello di comunicare certezze, ma di educare gli uomini ad affrontare situazioni nuove, applicando principi perenni, a ricercare sé stessi, non solo nel proprio mondo interiore, ma anche negli altri.

Grazie, ho detto.

C:. P:.

Martedì 12 Aprile 2016 e. v.

LE PAROLE CHIAVE DELLA “MISSION” DELLO SCOZZESE

  • Maestro Segreto, 4° grado: segreto, obbedienza e fedeltà
  • Maestro Perfetto, 5° grado: onestà, sincerità e buona fede
  • Segretario Intimo, 6° grado: zelo, fiducia e benevolenza
  • Prevosto e Giudice, 7° grado: imparzialità, coraggio, giustizia, verità
  • Intendente degli Edifici, 8° grado: unione, solidarietà, fraternità
  • Cavaliere Eletto dei Nove, 9° grado: meditazione, fermezza, lotta all’ignoranza
  • Cavaliere Eletto dei Quindici, 10° grado: lotta alla tirannia ed al fanatismo
  • Sublime Cavaliere Eletto, 11° grado: difesa strenua dei diritti del popolo
  • Gran Maestro Architetto, 12° grado: rettitudine e correttezza
  • Cavaliere dell’Arco Reale di Salomone, 13° grado: riservatezza, onore, dovere.
  • Grande Eletto, Perfetto e sublime Massone, 14° grado: la missione affidata dal nostro committente è basata sul Deismo, che dimostra come ogni individuo ed ogni massone ha il diritto indiscutibile della libertà di coscienza e di pensiero. Il Massone con lo studio delle scuole filosofiche antiche e moderne , con quello della storia delle religioni, con l’approfondimento nel diritto e nella economia politica, si prepara ad essere perfetto cittadino per il bene della patria e per l’elevazione del popolo.

Cerchi qualcosa?

Utilizza il campo sottostante per cercare nel sito:

Hai cercato qualcosa che non hai trovato? Contattaci e richiedici l'informazione che cerchi!

Link

Ti raccomandiamo di visitare questi siti web